Cerca
Close this search box.

Al canto del gallo

I due Premi Andersen Fabian Negrin e Mariachiara Di Giorgio per la prima volta insieme in un albo illustrato fiabesco e sardonico.

Una storia corale dal tono surreale in cui convivono levità e durezze, battaglie e giochi, con un geniale finale a sorpresa.

In libreria dal 27 marzo 2024

scritto da Fabian Negrin
illustrato da Mariachiara Di Giorgio
36 pagine, formato 23×33 cm
€ 19,00
ISBN 978-88-99136-89-5
Dai 5 anni in su

“C’era un regno lontano nel tempo e perduto nello spazio che sceglieva i propri sovrani in un modo curioso. Ho detto curioso? Avrei dovuto dire strano. Anzi, qui sarebbe finalmente il caso di usare la parola strampalatissimo.”

La legge imponeva che il nome del futuro re dovesse essere stabilito dai galli del regno:solo quando lo avrebbero cantato tutti insieme la corona sarebbe stata assegnata! Una circostanza che si verificava assai raramente… perciò accadeva spesso che non ci fosse nessuno al governo e che, per anni e anni, subentrassero caos e guerra.Almeno fino a che qualcuno non ebbe un’idea semplice ma a dir poco geniale.

Fabian Negrin e Mariachiara Di Giorgio portano in libreria un volume magnificamente illustrato, con un epilogo imprevisto e graffiante che elogia l’intelligenza del popolo e quell’ingegno sottile utile a barcamenarsi nelle difficoltà grandi e piccole.

La scrittura di Negrin, surreale ed evocativa, curatissima nella scelta delle parole, tratteggia una contemporaneità che si racconta, dietro una cornice fiabesca, in tutte le sue ipocrisie.

cornice fiabesca, in tutte le sue ipocrisie.

Le sontuose illustrazioni di Mariachiara Di Giorgio incorniciano la fiaba tra le quinte di un palcoscenico e con la loro grande potenza espressiva e tensione narrativa accompagnano il lettore a proseguire fino allo scioglimento finale. Le tavole, realizzate con tecnica manuale, dipingono con sapienza una città brulicante e polverosa, segnata da conflitti e macerie, abitata da tanti personaggi malandati e ripresa da tagli e prospettive diverse.

Una storia al contempo classica e attuale, capace di affascinare e divertire bambini e adulti con la sua ambientazione teatrale, l’intreccio articolato, il brillante sense of humor e la buffa “soluzione” che si svela nelle ultime pagine.

L’autore

Fabian Negrin
​​Nato nel 1963 in Argentina, si è laureato in graphic design in Messico e dal 1989 vive e lavora in Italia. Le sue illustrazioni sono apparse su numerosi quotidiani e riviste come Il Corriere della Sera, Il Manifesto, Panorama, Marie Claire, Grazia e Linea d’Ombra. Per la stampa internazionale collabora con The Independent, Tatler, GQ, Walter Thompson e Radio Times (BBC). Tra i riconoscimenti ottenuti ricordiamo il Premio Unicef alla Bologna Children’s Book Fair nel 1995, il Premio Andersen come Miglior Illustratore nel 2000, il Premio Lo Straniero assegnato dall’omonima rivista diretta da Goffredo Fofi nel 2005. Nel 2010 ha vinto il Bologna Ragazzi Award Non-Fiction. Ha scritto e illustrato molti libri per case editrici come Donzelli, Seuil, Giunti, Salani, Orecchio acerbo, Creative Company, Bloomsbury, Knopf, Mondadori, Rouergue. È stato candidato in più occasioni ai due principali premi riservati a autori e illustratori di letteratura per l’infanzia:l’Hans Christian Andersen Award e l’Astrid Lindgren Memorial Award. Con edizioni corsare ha pubblicato nel 2022 L’indovinello della tigre.

L’illustratrice

Mariachiara Di Giorgio
Ha studiato illustrazione allo IED di Roma, per poi proseguire la sua formazione all’Ensad di Parigi. Ha lavorato come storyboard artist e concept designer per film e pubblicità ed è approdata nel mondo editoriale nel 2012, illustrando alcuni albi di Gianni Rodari per Editori Internazionali Riuniti. Da quel momento ha pubblicato con alcune tra le maggiori case editrici per l’infanzia italiane e internazionali, tra cui Topipittori, Mondadori, Editoriale Scienza, Einaudi Ragazzi, Terre di Mezzo, Il Castoro, Chronicle Books, Casterman, Hachette Phoenix e tante altre. Le sue illustrazioni sono state esposte alla Mostra Illustratori della Bologna Children’s Book Fair e alla Society of Illustrators di New York e alcune sue opere sono state selezionate per la Ibby Honour List e i White Ravens. Tra i numerosi premi e riconoscimenti conseguiti ricordiamo il Premio Andersen come Miglior Illustratrice nel 2022, il Premio Sorcière, il Premio Luigi Malerba nel 2018 e la Shadowers’ Choice del Kate Greenaway Medal.

La casa editrice

Logo di Edizioni Corsare

Edizioni corsare nasce nel 2000 da un progetto di Giuliana Fanti orientato alla pubblicazione di libri di teatro e arte. Il 2003 è l’anno in cui prende il via la pubblicazione di albi illustrati per bambini e ragazzi, caratterizzati da una forte cifra autoriale e da un lavoro costante di ricerca e progettazione grafica.
E ancora libri di teatro per ragazzi, Teatri pop-up, la collana Teatri di carta (albi ispirati a spettacoli teatrali), narrativa per ragazzi e ragazze dai 9 ai 13 anni, la serie La Collanina, per le prime letture autonome, romanzi per tutti, senza confine. La grande cura per la qualità dei testi e delle illustrazioni è una cifra della casa editrice che privilegia progetti originali. I suoi libri sono pubblicati in molti Paesi, tra cui: Brasile, Stati Uniti, Cina, Taiwan, Russia, Korea del Sud, Romania, Francia, Spagna.

Scarica la cartella stampa

Contatti e Social:
www.edizionicorsare.it Facebook  Instagram


Se vuoi conoscere maggiori dettagli invia un’email a news@lachiccaufficiostampa.it

Condividi

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

Starnazzi nell’orto

Torna l’irresistibile duo Pettson e Findus, con una nuova divertentissima avventura, un orto da proteggere e una serie di guai Arriva in libreria per Camelozampa,

Tutta la verità sui pirati

Spiegate le vele e… pronti all’arrembaggio! Caissa Italia porta in Italia un grande libro illustrato che racconta chi erano (e chi sono) i pirati, con

LEGGERE, GIORNO PER GIORNO.

Lettori e lettrici nel laboratorio di letturadi Frank Serafini e Suzette Serafini-Youngs Come si diventa lettori e lettrici “a vita e per la vita”?E quale