Cerca
Close this search box.

FESTIVAL GRADARA LUDENS 2024

Borgo di Gradara (PU) 21-22 settembre 2024

Torna lo storico Festival dei giochi nel borgo di Gradara!
In programma sabato 21 e domenica 22 settembre 2024, a ingresso libero e gratuito.

Tra GIOCHI d’ARIA e tra le nuvole, un concorso speciale in ricordo di Ennio Peres e un ricchissimo programma di attività, spettacoli e iniziative ludiche per grandi e piccoli, un’occasione unica per vivere il gioco in tutte le sue sfumature, in un’ambientazione medievale dal fascino intrigante e senza tempo.



FESTIVAL GRADARA LUDENS 2024, illustrazione di Ignazio Fulghesu

Sabato 21 e domenica 22 settembre il paese marchigiano di Gradara, in provincia di Pesaro-Urbino, meta turistica tra le più rinomate dell’Italia centrale, tornerà a essere “Città del Gioco” per ospitare l’edizione 2024 di Gradara Ludens Festival, primo festival del gioco del nostro Paese, che ha fatto conoscere e amare fin dal 1990 tutte le anime del gioco, riuscendo a coinvolgere un pubblico molto ampio ed eterogeneo, di ogni età.

Il caratteristico borgo dominato dal Castello di Paolo e Francesca diventerà la casa a cielo aperto di tutti gli amanti della fantasia e delle sfide ludiche, per un lungo weekend di divertimento a ingresso libero e gratuito, da trascorrere tra tornei, dimostrazioni, giochi di ruolo e da tavolo, giochi di creatività e narrazione, wargames, Subbuteo e tanti altri momenti educativi, di intrattenimento e di crescita. Un festival a misura d’uomo, accogliente, inclusivo, che invita alla condivisione e alla partecipazione, con un intento sociale e comunitario che ruota intorno al gioco e allo stare bene insieme: 

GIOCARE CON L’ARIA: IL TEMA DI QUEST’ANNO

Fortemente voluto dal Comune di Gradara e organizzato da Gradara Innova, sotto la direzione artistica di Beniamino Sidoti, scrittore e formatore, esperto di giochi e di narrazione, Gradara Ludens Festival 2024 verterà intorno al suggestivo tema dell’ARIA, suggerito in varie declinazioni, come quella offerta dal Circo tra le nuvole del Giococirco di Pavia, fra le presenze di spicco di questa edizione, o come l’incanto scaturito dai tradizionali giochi di aria (elicottero, girandola, aquiloni, aeroplanini ecc.) o ancora come gli esperimenti scientifici basati sull’aria e le entusiasmanti battaglie aeree riprodotte in scala.


OSPITI: ALCUNE ANTICIPAZIONI

Tra gli ospiti che animeranno la manifestazione, l’artista e atelierista Lidia Letizia, con una imperdibile mostra di poesia interattiva; Michele Volpi con la sua LiberBici, poetica libreria a pedali che porta per strade, teatri, parchi e città letture e spettacoli di narrazione; il Gioco cooperativo proposto da Zio Ludovico di Matera, per recuperare il senso stesso del “giocare” (vivere!) con gentilezza ed armonia, facendolo seriamente e con leggerezza; gli editori per ragazzi Sabir e Artebambini, con il loro ventaglio di libri e laboratori pensati per accontentare tutti i gusti.

IN RICORDO DI ENNIO PERES: UN CONCORSO SPECIALE

A impreziosire l’edizione 2024 del festival, l’iniziativa speciale Un gioco per Ennio, per ricordare Ennio Peres, tra i massimi ludologi in Italia, scomparso due anni fa. Sarà una sfida lanciata a tutti gli autori di giochi, che saranno invitati a completare il suo ultimo gioco incompiuto; in collaborazione con la rivista IoGioco e la famiglia Peres, il presidente di giuria sarà Andrea Angiolino. 

SABATO ALLE ORE 21: L’ASSEGNAZIONE DEI PREMI GRADARA LUDENS

Punto di riferimento per i giocatori appassionati e per i professionisti del settore, Gradara Ludens Festival 2024 avrà il suo momento clou nella serata di sabato 21 alle ore 21, nella bellissima cornice del castello, dove si svolgerà la consegna dei Premi Gradara Ludens, che il Comitato Scientifico della manifestazione assegna ogni anno a tre personalità che si sono distinte nel settore ludico. Un riconoscimento ambito, che nel tempo ha raggiunto e insignito figure importantissime del mondo del gioco e della cultura nazionale, tra i quali, Michele Serra, Giampaolo Dossena, Umberto Eco, Stefano Bartezzaghi, Edoardo Sanguineti, Alessandro Bergonzoni, Moni Ovadia, David Riondino. A settembre l’annuncio dei vincitori.

UNA NOVITÀ PER ESPERTI NEL PICCOLO TEATRO DI GRADARA

Il teatrino di Gradara ospiterà la Ri3 – “Ri-creazione ri-considerazione ri-condivisione. Per una conoscenza in forma di gioco”, una tavola aperta di riflessione sul gioco condotta dal professor Fabio D’Andrea dell’Università di Perugia, dove ricercatori ed esperti di giochi si confronteranno sul valore e il funzionamento del gioco parlando e giocando.

UNA ROCCA IN MINIATURA

Dentro la splendida Rocca di Gradara verrà inaugurato il plastico della Rocca stessa, su cui si potranno giocare diversi momenti della storia del paese!

IL MANIFESTO A CURA DI IGNAZIO FULGHESU

L’immagine ufficiale 2024 del Festival è firmata da Ignazio Fulghesu, uno dei nomi più apprezzati e richiesti nel panorama contemporaneo dell’illustrazione e della progettazione grafica per ragazzi. Sulla scia del successo riscontrato lo scorso anno dall’iniziativa, Fulghesu propone un nuovo gioco di “investigazione” al pubblico, celando nel suo manifesto un messaggio da rintracciare. 

Il programma completo del Festival e i nomi dei vincitori del Premio Gradara Ludens saranno diffusi nel mese di settembre. 

Il Festival Gradara Ludens è un evento sostenuto dal Comune di Gradara e organizzato da Gradara Innova.

Per informazioni: Gradara Innova
Tel. 0541 964673
Cell. e WhatsApp 3311520659
info@gradarainnova.com

Ufficio Stampa

laChicca ufficio stampa
Francesca Tamberlani

f.tamberlani@lachiccaufficiostampa.it
news@lachiccaufficiostampa.it

Condividi

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

La grande fabbrica delle cacche

C’è una cosa che accomuna tutti gli esseri viventi… la cacca! Un nuovo, giocoso, volume della serie “La grande fabbrica” della coppia Nadja Balhadj e

Il dito contro

Può una brava ragazza musulmana innamorarsi di un’altra ragazza? Un romanzo Young Adult sincero e graffiante, da una pluripremiata autrice danese Una storia d’amore che