Cerca
Close this search box.

Piccolo blu e piccolo giallo & Ti voglio bene, Blu

Piccolo blu e piccolo giallo del grande Leo Lionni e

Ti voglio bene, Blu di Barroux tornano in libreria per Officina Babùk in una nuova versione accessibile e inclusiva con simboli WLS.

Due albi colorati e senza tempo uniti dal fil rouge… ehm, dal fil “bleu” dell’amicizia!

In libreria dal 10 maggio 2024

Piccolo blu e piccolo giallo in simboli WLS
di Leo Lionni

traduzione di Federica Rocca
versione in simboli di Enza Crivelli e Sante Bandirali

Copertina cartonata, illustrazioni a colori
Pagg. 48 | 20 x 20 cm
Prezzo: 10,00 euro
ISBN 979-12-81495-05-0
Età di lettura consigliata: dai 3 anni

Ti voglio bene, Blu in simboli WLS
di Barroux

traduzione di Federica Rocca
versione in simboli di Enza Crivelli e Sante Bandirali

Copertina cartonata, illustrazioni a colori
Pagg. 40 | 29 x 21,5 cm
Prezzo: 13,00 euro
ISBN 979-12-81495-07-4
Età di lettura consigliata: dai 4 anni

L’amicizia, quella vera, si sa, non ha colore.

È così che Officina Babùk, casa editrice specializzata nella pubblicazione di libri in simboli, porta sugli scaffali in una versione con testo in simboli WLS due albi illustrati su quell’amicizia capace di attraversare ogni sfumatura cromatica.

Il tratto raffinato ed espressivo di Leo Lionni non smette mai di stupire.

In Piccolo blu e piccolo giallo, due macchie di colore sono amiche per la pelle: giocano insieme, corrono, scherzano, ma quando si abbracciano diventano verdi e i loro genitori non li riconoscono più.

Basterà un abbraccio per sciogliere i pregiudizi e realizzare che “mescolarsi e cambiare grazie al contatto con l’altro è qualcosa di speciale che va celebrato. Uno straordinario classico della letteratura per l’infanzia che racconta la bellezza dell’integrazione.

In Ti voglio bene, Blu, Barroux ci porta a conoscere il guardiano del faro Jonas, che durante una violenta tempesta viene salvato da Blu, una balena gentile. I due diventano amici e quando la balena si trova in pericolo per aver inghiottito sacchetti di plastica scambiandoli per meduse, Jonas corre in suo aiuto. L’amico ripulisce la pancia della balena e mette in guardia sia l’immenso cetaceo, sia i piccoli lettori, dall’insidioso pericolo dell’inquinamento di cui l’uomo è responsabile.

Una toccante storia di amicizia che racconta l’urgenza di salvare i nostri oceani.

Tutti i titoli del catalogo Officina Babùk conservano lo stesso formato dell’originale e la medesima cura editoriale; l’unica differenza è rappresentata dal testo, ad alta leggibilità e arricchito, secondo le tecniche della Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA), dei simboli WLS (Widgit Literacy Symbols). Questi simboli, ampiamente utilizzati in molti Paesi del mondo e tradotti in ben 17 lingue, rappresentano uno strumento efficace per facilitare la comunicazione e la comprensione.

La nuova versione accessibile e inclusiva dei classici della letteratura illustrata proposta da Officina Babùk, che non altera l’equilibrio estetico fra testo e illustrazioni, è curata da Enza Crivelli e Sante Bandirali con l’obiettivo di rispondere alla sempre crescente necessità di creare libri adatti a tutte e a tutti affinché anche le bambine e i bambini con difficoltà di lettura possano comprendere e apprezzare lo stesso libro delle loro compagne e compagni.

«Sono libri adatti ai bambini che stanno iniziando a leggere, ai bambini nello spettro autistico, ai bambini che non conoscono ancora bene l’italiano e il suo sistema di scrittura e anche a chiunque voglia leggere così. Non sono libri speciali per bambini speciali. Sono libri per tutti.»

Sante Bandirali su la Repubblica di Milano

Officina Babùk nasce dalla fortunata collaborazione tra uovonero, casa editrice che ha una consolidata esperienza nel campo dell’editoria accessibile e dei libri in simboli, e Babalibri, marchio specializzato in albi illustrati di alta qualità. Questa nuova realtà editoriale, nata nel 2023, è dedicata interamente agli albi illustrati in simboli e segue l’esempio e l’ottimo riscontro ottenuto da I libri di Camilla (Collana di Albi Modificati Inclusivi per Letture Liberamente Accessibili), collana pubblicata da uovonero a partire dal 2016 che porta in libreria illustrati di successo dei principali editori italiani per l’infanzia ripubblicati in un formato comunicativo più accessibile. Una collana molto apprezzata che in poco tempo ha fatto aumentare la richiesta di libri con un testo a codice multiplo, verbale e iconografico.

I libri in simboli sono per tutti i bambini e le bambine!
I titoli di Officina Babùk disponibili in libreria:

La sedia blu, di Claude Boujon (trad. Maria Marconi)

Mangerei volentieri un bambino, di Sylviane Donnio e Dorothée de Monfreid (trad. Federica Rocca)

Papà-isola, di Émile Jadoul(trad. Federica Rocca)

La paura del mostro, di Mario Ramos (trad. Tanguy Babled)

Zeb e la scorta di baci, di Michel Gay (trad. Federica Rocca)

Un mammut nel frigorifero, di Michaël Escoffier e Matthieu Maudet (trad. Federica Rocca)

I guai di Mini Cowboy, di Daniel Frost (trad. di Tanguy Babled)

Piccolo blu e piccolo giallo, di Leo Lionni (trad. Federica Rocca)

Ti voglio bene, Blu, di Barroux (trad. Federica Rocca)

Clicca qui per scaricare la cartella stampa di Piccolo blu e piccolo giallo in simboli CAA.

Clicca qui per scaricare la cartella stampa di Ti voglio bene, Blu in simboli CAA.


Contatti stampa Officina Babùk

Claudia Papaleo – Ufficio stampa Babalibri – cell 339 873 0965

Francesca Tamberlani – Ufficio stampa uovonero – cell 338 1557825

stampa.officinababuk@gmail.com


Condividi

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

Come me, come te

Carolina Zanier esordisce con un toccante albo fotografico che racconta la poesia di una nuova vita e la connessione tra essere umano e natura Un

Il piccolo giardiniere

Il primo classico a entrare nel catalogo di Storiedichi Edizioni è un piccolo gioiello della grande illustratrice inglese Bernadette Watts, che arriva per la prima

Letture imperdibili tra 0 e 14 anni

Quali libri proporre a bambini e bambine, ragazzi e ragazze? Quali criteri seguire per riconoscere titoli di qualità in un patrimonio letterario sempre più ampio