Cerca
Close this search box.

“La ferita”, il nuovo albo di Emma AdBåge

Dall’autrice e illustratrice del bestseller Premio Andersen La Buca,
una nuova irresistibile storia ad altezza di sguardo bambino

Pochi sanno raccontare l’universo bambino con la stessa semplicità, autenticità e schiettezza di Emma AdBåge, autrice e illustratrice svedese amatissima anche in Italia. Arriva ora in libreria il suo ultimo albo illustrato, già vincitore di vari premi all’estero: La ferita è un ideale seguito del suo La Buca, Premio Andersen 2020, per come sa mostrare le avventure quotidiane in tutta la loro potenza, anche se si tratta “solo” di una ferita procurata con una caduta a scuola.

LA FERITA
Scritto e illustrato da Emma AdBåge
Traduzione di Samanta K. Milton Knowles
età: 5+ | Collana Le Piume
32 pagine a colori, copertina cartonata
cm 21,5 x 28 | ISBN 9791254640555
euro 16,90
Stampato su carta ecologica FSC®
In libreria dal 9 febbraio 2024

The White Ravens 2023
Vincitore Snöbollen Award
Finalista August Prize

A volte si può passare in un istante dall’invisibilità all’essere al centro dell’attenzione, diventare la persona che tutti vogliono per amica. Può bastare una caduta, con una spettacolare ferita da esibire. È emozionante e bellissimo ricevere tutta quell’attenzione, ma cosa succede dopo, quando la ferita guarisce? Dopo La Buca, Emma AdBåge torna a raccontare la vita nel cortile di una scuola, i giochi, le amicizie, le dinamiche di gruppo, con il suo sguardo acuto e dalla parte dei bambini.

“Ancora una volta Emma AdBåge dimostra il suo talento nel ritrarre dal punto di vista di un bambino i drammi, piccoli o grandi, della vita quotidiana”. International Youth Library – The White Ravens 2023

Cadere e farsi male a scuola, il sangue che scorre e che macchia a terra, l’emozione di portare un cerotto gigante e di essere, improvvisamente, al centro dell’attenzione: per un bambino non c’è proprio niente di banale in una ferita, e questo evento è raccontato da Emma AdBåge con tutta la serietà che merita, perché queste disavventure, che ai grandi possono sembrare di poco conto, non lo sono affatto per i bambini che le vivono. Tanto che la guarigione della ferita viene seguita con apprensione dal protagonista: se dovesse sparire, sparirebbe anche la meravigliosa sensazione di essere al centro dell’attenzione?

Le dinamiche relazionali tra bambini sono raccontate con sincerità e naturalezza, e come nell’albo La Buca abbiamo una rappresentazione della scuola come luogo di gioco libero. Non manca l’ironia, soprattutto verso gli adulti: basti pensare che tutto succede perché il protagonista stava saltando sul tavolo da ping-pong, non potendo giocarci perché le racchette sono tutte “rotte o sparite”. Per non parlare di quando un insegnante suggerisce di usare i pastelli verdi o blu per disegnare le ferite, dato che quelli rossi sono finiti: una vera insurrezione lo costringe a tirar fuori gli acquerelli.

Come sempre le illustrazioni di Emma AdBåge sono vivacissime, e catturano con pochi tratti essenziali tutte le emozioni dei protagonisti. La corporeità non viene nascosta, anzi: il sangue è molto presente (aspetto non così frequente nei libri per bambini), a partire dai risguardi, e non potrebbe essere altrimenti, se si vuole raccontare in modo autentico questa piccola ma enorme disavventura.  

L’autrice e illustratrice

Emma AdBåge, ha debuttato nel 2001 e da allora ha illustrato molti libri, diventando una delle più amate autrici di albi illustrati in Svezia. Ha vinto moltissimi premi, tra cui il Premio Sven Rydén, il Premio Elsa Beskow, il Premio Lennart Hellsing. Con La Buca ha vinto l’August Prize in Svezia, il Deutscher Jugendliteraturpreis in Germania e in Italia il Premio Andersen come Miglior libro 6/9 anni.

Le sue vivacissime storie e illustrazioni raccontano un mondo ad altezza di bambino e danno voce ai bisogni e ai desideri dei più piccoli, che spesso i grandi non sono capaci di comprendere.

La traduttrice

Samanta K. Milton Knowles, laureata in Studi interculturali con una tesi sulla traduzione cinese di Pippi Calzelunghe e in Scienze linguistiche con una tesi dal titolo Tradurre Astrid Lindgren, lavora come traduttrice editoriale dallo svedese, dal danese e dall’inglese dal 2014. Ha analizzato la qualità delle traduzioni italiane delle opere di Astrid Lindgren per conto della società degli eredi della grande scrittrice svedese, e curato la nuova edizione integrale di Pippi Calzelunghe, pubblicata da Salani nel 2020 in occasione del 75° anniversario.

Loghi

logo camelozampa

Casa editrice

Camelozampa è una casa editrice indipendente, vincitrice del BOP 2020 Bologna Prize for the Best Children’s Publishers of the Year per l’Europa. È nata nel 2011 e pubblica albi per la prima infanzia, picture book, non-fiction, narrativa per bambini e ragazzi, fino a giovani adulti. Produce libri di qualità, prestando grande attenzione a ogni aspetto, dai contenuti ai materiali (con l’utilizzo ad esempio di carta FSC). Tra i suoi punti di forza la riscoperta di capolavori internazionali della letteratura per ragazzi, mai arrivati prima in Italia o finiti troppo presto fuori catalogo. A queste riscoperte affianca un lavoro di scouting per dare spazio alla creatività di autori e illustratori italiani e stranieri, emergenti o già affermati. Camelozampa è una casa editrice ad alta leggibilità. 

Scarica la cartella stampa

Se vuoi conoscere maggiori dettagli su questo titolo invia un’email a news@lachiccaufficiostampa.it

Condividi

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

Scopri gli altri titoli

Compiti per le vacanze

Questa estate prendi un pezzetto di cielo, disegna un sentiero nel bosco, trova una stella danzante… La neovincitrice del Premio Andersen Eva Rasano ci offre

Diana e il segreto dei lupasky

Il terzo titolo della collana Border per lettori YA ci fa viaggiare da Roma a New York, dall’Australia al Brasile fino al Circolo polare artico